-2 Giorni alle Elezioni


Non votare per me se…


 

Ci siamo quasi.

Questa è davvero l’ultima lettera che ti scrivo prima delle elezioni di domenica 4 Marzo.

Se però sono riuscito a guadagnarmi la tua fiducia, seguiranno molte altre comunicazioni parecchio più interessanti.

Ho infatti ferma intenzione di informarti costantemente su tutto quello che accade nell’amministrazione regionale del Lazio e di proseguire il dialogo con tutti color che ho incontrato in questi due mesi.

Voglio solo aggiungere un paio di cose ancora.

La prima è che questa domenica 4 Marzo abbiamo un’opportunità grandissima e che dobbiamo saper sfruttare al meglio perché ricapiterà tra cinque anni e sinceramente io non so se personalmente deciderò di rimettermi in gioco ancora.

Questo te lo dico davvero con il cuore in mano.

Fino all’ultimo, fino a qualche istante prima di decidere di metterci la faccia in questa campagna elettorale, ci ho pensato innumerevoli volte.

Io so che non si puo’ piacere a tutti e quindi, prima di mettermi in discussione, prima di candidarmi al rinnovo del Consiglio Regionale del Lazio, ho avuto pensieri contrastanti.

Mi sono affidato ai consigli di chi mi sta intorno, di chi mi ama, della mia famiglia, dei colleghi.

E solo dopo accurate riflessioni ho deciso di intraprendere questo percorso con la consapevolezza di ciò a cui andavo incontro.

Sapevo della grande fatica, sapevo che avrei ricevuto tante energie positive, ma anche tante critiche.

Ho puntato sull’incontrare quante più persone possibile in modo da consentire a molti di conoscermi davvero.

Mi ha colpito un commento su uno dei miei post su Facebook, un commento semplice, ma pieno di significato. Il commento diceva “uno con quella faccia non lo voto”.

Mi ha fatto sorridere, ma mi ha anche messo un po’ di tristezza perché penso che sempre di più noi oggi valutiamo le persone per il primo impatto ed epidermicamente le condanniamo a piacerci oppure no.

In questo inganno ci cadiamo un po’ tutti, a volte anche io.

Ma ci dobbiamo rendere conto di quanto questo approccio sia controproducente prima di tutto per noi stessi, perché dobbiamo immaginare quanto ci perdiamo a non dare una seconda possibilità a tutti.

Questo l’ho imparato nella mia ultima esperienza lavorativa e che mi troverò costretto a lasciare qualora dovessi ottenere la carica di Consigliere Regionale.

Nell’azienda in cui lavoro oggi, ho davvero imparato cosa significa che “nessuno deve rimanere indietro”.

Quando lavori con persone che hanno differenti attitudini rispetto alle tue, quando ti trovi di fronte a difficoltà oggettive, devi farti carico del lavoro e delle difficoltà altrui.

E con questo spirito io ho deciso di candidarmi.

Ci sono troppe cose che non vanno nell’amministrazione della nostra Regione, ed io ho deciso di mettere a disposizione le mie competenze, lasciando un lavoro che mi piace, per mettere un punto soprattutto alle bugie che la Giunta uscente ci somministra quotidianamente.

Allo stesso tempo però, consapevole che non si puo’ piacere a tutti, non mi sono mai abbassato a proclamare slogan populisti solo per raccattare voti da chi vuole solo sentirsi dire le cose di cui è già convinto.

Questo modello non mi appartiene.

E dunque, domenica 4 Marzo, NON votare per me:

  • Se vuoi sentire solo ciò che ti fa comodo
  • Se sei troppo pigro per non uscire dalla tua zona di comfort
  • Se preferisci accettare una menzogna anziché la dura realtà
  • Se hai paura del cambiamento
  • Se preferisci l’”abito” alla sostanza
  • Se vuoi continuare ad essere preso in giro da chi dovrebbe risolvere i tuoi problemi
  • Se vuoi attendere otto mesi per un esame specialistico
  • Se vuoi continuare a pagare i debiti di chi si è arricchito con la cosa pubblica

Domenica 4 Marzo, barra il simbolo Movimento5Stelle e scrivi AGOSTINI sulla scheda elettorale se:

  • Vuoi davvero cambiare questa Regione
  • Vuoi che si risolvano i piccoli e grandi problemi quotidiani
  • Vuoi dare fiducia a chi ti dirà con sincerità quello che si puo’ e quello che non si puo’ fare
  • Vuoi partecipare attivamente alla risoluzione dei tuoi problemi quotidiani
  • Sei stanco di vedere la solita “cricca” che si spartisce il gruzzoletto alle tue spalle e sul tuo lavoro
  • Sei tormentato da quella voce sulla tua busta paga “addizionale regionale”!

Per ora è davvero tutto.

Ti auguro un felice fine settimana e di trascorrerlo facendo quello che ami, con chi ami.

Ricorda solo che è sufficiente qualche minuto per recarti nella tua sezione elettorale, entrare nella cabina elettorale e decidere di cambiare la tua vita!

 

Un abbraccio,

 

Marco.